12 SETTEMBRE 2018 a Villa Cagnola - Gazzada

12 SETTEMBRE 2018 a Villa Cagnola – Gazzada

Il Cristo necessario – indagine su Paolo VI

Un vicenda di oggi: Ferruccio, uno scrittore profondamente in crisi (umana e artistica), riceve l’incarico di scrivere un libro sul più “complesso” (e dimenticato) dei Papi della modernità, Papa Paolo VI, in vista della canonizzazione.

Si tratta di una sfida unica per l’intellettuale, costretto a misurarsi a distanza con Giovanni Battista Montini e obbligato, suo malgrado, a fare i conti con la profondità del pensiero del Papa, la profeticità dei suoi gesti, l’umiltà della sua persona. Categorie che scardinano i suoi pregiudizi, asciugano la sua già scarsa vena creativa, disorientano convinzioni basate sullo scetticismo verso il Mistero, dal momento che il suo modello è l’ateo Émile Zola, autore di Lourdes (1894), reportage sulla cittadina francese luogo delle apparizioni mariane del 1858.

Il compito debilita Ferruccio, gli interrogativi non gli danno requie: chi fu davvero Giovanni Battista Montini? Qual è la chiave per capire l’uomo Montini, prima che il Papa? Come leggere il cristiano, il sacerdote, il pastore prima che il Vicario di Cristo? In fondo: qual è il segreto di Paolo VI, oggetto di una ricerca inesausta? Una ricerca che peraltro diviene compito di vita: non più solo argomento di un libro, ma lotta che tutto coinvolge e necessita di confronti. E dietro Paolo VI, emerge il confronto con il Cristo amato dal pontefice bresciano.

In scena, oltre allo scrittore, ci saranno allora il filosofo (che ricorda il grande Jean Guitton), la donna della Spirito, l’uomo comune (che richiama lo stesso Zola): tre personaggi con cui misurarsi, tenendo in filigrana la figura vera dell’indagine, Papa Paolo VI.
Sulla scena, silente e al tempo stesso eloquente, ci sarà anche un ritratto di Papa Montini, del quale si sentirà, di tanto in tanto, la voce originale tratta da documenti audiovisivi dell’epoca.

Lo spettacolo, della durata di un’ora, vuole essere un’indagine sulla figura umana e cristiana di Giovanni Battista Montini; attraverso l’indagine dello scrittore, emergeranno alcuni dei tratti più significativi e attuali del Papa, il cui cuore fu sempre radicato nella certezza della “necessità di Cristo” per l’uomo moderno, accolto e valorizzato nella sua integrità.

Nell’anno della canonizzazione di Paolo VI, la compagnia Exire, in collaborazione con l’ Istituto Superiore di Studi Religiosi Beato Paolo VI di Gazzada, propone una rappresentazione volta a ricordare, secondo le parole di Papa Francesco, «questo grande papa, questo coraggioso cristiano, questo instancabile apostolo».

Maggiori info su villacagnola.com e su exire.it

Condividi su:

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *